Un bambino al posto giusto! I bambini come biglietto da visita

Il bambino è dove serve! I bambini come biglietto da visita

Le persone che vi circondano «leggono» informazioni su di voi non solo dallo stile di abbigliamento, dal modo di comportarsi, dalla voce e dai gesti, ma anche dalle persone con cui fate «uscite», in particolare dai vostri… bambini. Le nuove generazioni possono sia rafforzare la vostra immagine che rovinarla: basta apparire in compagnia di un bambino nel momento e nel luogo sbagliato.

Siete sul palcoscenico di ogni interazione con un’altra persona esattamente fino a quando non cala il sipario. Siete al centro dell’attenzione. Siete guardati, valutati, vi formate un’impressione su di voi, a cui possono seguire sia la fiducia, il riconoscimento e una scelta decisiva, sia i dubbi, la delusione e, infine, la completa dissipazione della vostra immagine nella memoria dell’altra persona.

Tutto sarebbe semplice se la formazione dell’immagine avvenisse entro i confini della propria personalità. Tuttavia, la società ha le sue leggi e la vostra immagine è influenzata dalle persone che vi accompagnano, compresi i bambini….

UN ELEMENTO DELLA VOSTRA IMMAGINE O UNO STRUMENTO?

Per la maggior parte dei personaggi pubblici, i bambini sono diventati da tempo un elemento molto efficace della loro immagine. Se non addirittura uno strumento. Al giorno d’oggi, per alzare il proprio rating personale nella classifica generale è spesso sufficiente… adottare un paio di bambini di un orfanotrofio o donare al welfare dell’orfanotrofio una somma cospicua e apparire periodicamente tra le sue mura per dare alla stampa l’opportunità di rinfrescare le proprie foto nelle sezioni delle cronache secolari.

Tuttavia, il vero soggetto per ravvivare l’attenzione su di sé sono gli scatti in cui si vedono circondati, presumibilmente per caso, da bambini comuni della strada, dialogare con loro e baciare il bambino di qualcun altro nella pancia — e il «pilotaggio più alto». Non voglio affermare che si tratti sempre di un ottimo lavoro di PR, ma, tuttavia, tali performance improvvisate fanno salire gli ascolti in modo fulmineo.

Allo stesso tempo, quando si tratta dei propri figli, sorge spesso una grande domanda. Dopotutto, non tutte le persone pubbliche si permettono di chiamare il proprio figlio «agnello di Dio», quando quest’ultimo, anche se in un’età di transizione, inizia a conoscere il proprio «io» e con esso i propri confini, esercitandosi a difenderli.

Dov’è uno strumento utile per formare l’immagine di un genitore con un nome importante? Tanto vale non denigrarlo affatto.

TRUPPA JUNIOR «DELLE STELLE

I figli delle stelle — questa è una casta a parte, che non so nemmeno cosa sia più — da compatire o da rallegrare. Da un lato, nella loro vita tutto va bene: genitori famosi, prosperità assoluta, le migliori università del mondo e strade aperte ovunque, dall’altro — una privazione inequivocabile dell’attenzione dei genitori.

Anche se capita che sul «viale delle stelle» i figli «servano» l’immagine del genitore. Non ricordo quanto fosse famoso il signor Prigozhin prima di incontrare la cantante Valeria, ma dopo la sua popolarità è cresciuta notevolmente. Con il raddoppio del numero dei figli dopo l’incontro con Valeria, il suo nome si è colorato di nuovi colori non solo come produttore, ma anche come tutore premuroso e ora come vero amico dei figli della cantante, ormai cresciuti e indipendenti, con i quali la coppia appare spesso in pubblico. Un buon esempio di vera armonia…

I genitori famosi sono particolarmente orgogliosi dei loro genitori famosi, e il pubblico non è meno interessato ai rappresentanti della generazione successiva, che seguono con fiducia le orme dei genitori, perché in questo caso l’immagine è solo rafforzata e continua a servire a beneficio non solo del genitore, ma della famiglia nel suo complesso. Tra l’altro, molto spesso il bambino star si dichiara alla società in modo tanto forte quanto poco delicato.

Ad esempio, «uscita» sull’assoluto «anti-brand», la famosa figlia di genitori non meno famosi Xenia ha poi mostrato a tutti di che pasta è realmente fatta. L’epatage ostentato all’esterno è stato cancellato all’istante, se questa diva ha aperto bocca: discorsi ben fatti, sottile umorismo cinico — e voilà ….

Ora Xenia può permettersi qualsiasi scherzo, perché la sua immagine già formata e ben radicata nella mente del pubblico non rovinerà nulla. Credo che suo padre sarebbe orgoglioso di sua figlia, e chi esattamente contribuirebbe a rafforzare l’immagine dell’altro — la figlia al padre o il padre della figlia — è un’altra questione ….

DALL’ALTRA PARTE DELLE TELECAMERE

La maggior parte di noi ha bisogno di un’immagine per fare soldi. Quasi ogni persona moderna sta costruendo la propria attività, con piani di espansione e sviluppo, e se non un’attività, una carriera, e ogni giorno… vende se stessa. Vende la sua esperienza, le sue conoscenze, le sue capacità, le sue abilità, le sue competenze chiave.

A tal fine, ci si mette in mostra ogni giorno: davanti a clienti, colleghi, datori di lavoro, partner, controparti, ma anche fidanzate, amici e, manco a dirlo, fidanzati e fidanzate. Tuttavia, il prezzo di queste vendite è spesso la felicità, il successo personale, la fiducia in se stessi e il benessere mentale, che è così importante nella vita.

Un uomo d’affari di successo è stato costretto a rinunciare a un viaggio di familiarizzazione all’estero già programmato con potenziali partner. I biglietti erano già stati acquistati, il programma era stato in parte organizzato dalla parte ospitante, ma lui non ha preso l’aereo perché suo figlio, già abbastanza adulto, è stato ricoverato d’urgenza in una clinica in stato di intossicazione acuta da droghe.

Il campo di attività dell’uomo d’affari è quello farmaceutico e i potenziali partner, guidati da principi di profonda moralità, hanno interrotto i contatti con l’uomo d’affari. Questo è il rarissimo caso in cui gli affari sono incentrati sui principi piuttosto che sul denaro….

PICCOLO, SPARITO

Con i bambini piccoli è tutta un’altra storia, perché non si può mai prevedere cosa aspettarsi da loro. Ricordo un esempio vivido quando, seduti a un pranzo domenicale di famiglia in un costoso ristorante di Mosca, fortunatamente nella cerchia di amici e conoscenti, la figlia di otto anni di una mia amica esclamò con gioia all’annuncio della madre che tra tre giorni sarebbero volati a prendere il sole sulla costa turca: «Urrrrrrah… beh, finalmente sarò sazia!». Per un attimo c’è stato silenzio, e un attimo dopo tutta la tavola è caduta a terra dalle risate. Naturalmente, l’umorismo in questo caso era comprensibile per tutti coloro che hanno una certa familiarità con i buffet degli hotel VIP. Ma un’osservazione del genere da parte di un bambino piccolo, per esempio, a un ricevimento semi-aziendale può, se non rovinare l’immagine, almeno mettere in imbarazzo i suoi genitori più cari….

Ricordo che la vice direttrice di un grande complesso alberghiero si trovò in una posizione altrettanto imbarazzante durante uno dei ricevimenti, quando il figlio piccolo decise di nascondersi da tutti… sotto la gonna a sbuffo della madre, per il divertimento dell’intera società. È vero, la severa mamma non ha fatto i conti in tasca per un commento: «Andryusha, smettila subito…». — e con un sorriso, rivolgendosi più che altro al pubblico, ha aggiunto: «Questo lo puoi fare solo a casa!». Sì, il senso dell’umorismo può fare miracoli e salvare qualsiasi situazione…..

LINEA DI INFLESSIONE O… AGGANCIO?

L’eterno conflitto tra padri e figli è in realtà molto più profondo di quanto sembri a prima vista. Fare pressione sui figli, mettendo al primo posto la propria posizione, età e autorità, spingendoli verso limiti visibili solo a voi, non è una via d’uscita ragionevole dalla situazione, che può danneggiare il vostro nome.

E, forse, se vi siete già trovati in una situazione spiacevole con vostro figlio protagonista, allora, prima di precipitarvi ad affrontare le conseguenze, dovreste spostare la vostra attenzione… sulla causa? Non correte a salvare la vostra immagine, probabilmente scossa, e giratevi dall’altra parte e, guardando la situazione da un’angolazione leggermente diversa, chiedetevi: «Cosa manca a mio figlio, per cui sta cercando di attirare la mia attenzione? Di che cosa ha più bisogno in questo momento?».

Se siete una persona pubblica, ha senso preparare in anticipo i vostri figli ad «andare in giro per il mondo». Fate una sorta di «briefing». E, naturalmente, è più facile farlo con bambini che hanno un’età più o meno matura e consapevole.

Da parte vostra si tratterà, in effetti, di una dichiarazione dei vostri valori, oltre che della definizione dei confini personali. Spiegate a vostro figlio che le cose che gli state dicendo sono importanti non solo per voi, ma per tutta la famiglia, e che sono anche un atto di fiducia e di impegno.

OGNI COSA HA IL SUO… POSTO!

Con i bambini piccoli è una conversazione speciale e «negoziare» con loro è una vera e propria arte, che solo un genitore amorevole può fare. Innanzitutto, bisogna capire dove è opportuno presentarsi in compagnia dei bambini e dove no… Ad esempio, le riunioni di lavoro, i ricevimenti serali, gli eventi notturni sono a priori tabù. Ma le cene domenicali in famiglia con i partner commerciali sono le migliori.

Se avete preparato un posto alla vostra destra per vostro figlio che si affaccia all’età adulta con un diploma in mano, ha senso introdurlo nel mondo degli affari. A questo scopo, la sua presenza nel consiglio di amministrazione gli sarà utile quanto una normale conferenza stampa. Tuttavia, se osserviamo l’atteggiamento di persone pubbliche con un’immagine già formata e che lavorano per loro, non saremo in grado di rintracciare alcuna regolarità.

Ad esempio, Lukashenko appare sempre e ovunque in compagnia del figlio, mentre le figlie del nostro carissimo presidente sono nascoste al pubblico «dietro sette lucchetti»… E in tutto questo non solo l’immagine, ma anche le opinioni personali della persona stessa giocano un ruolo importante.

L’immagine positiva formata di una persona è, infatti, la sua bacchetta, una bacchetta il cui movimento può aggiungere significativamente «punti» anche dove sono oggettivamente assenti. Ci sono casi in cui apparire nella cerchia dei familiari per formare un’immagine positiva è assolutamente necessario.

Ad esempio, i ricevimenti di beneficenza, dove tra gli invitati ci sono partner, potenziali clienti VIP e anche le loro famiglie. Qui, forse, la vostra immagine dovrebbe essere oggetto di particolare attenzione e gli «elementi» viventi che la compongono, come i vostri figli preferiti, dovrebbero essere tra i vostri alleati. Se non sono ancora tali, forse ha senso farlo ora con il vostro compito attuale?