Persone-opportunità» e «persone-procedimenti»

Sai suonare il violino? Non lo so, non ho mai provato!». La persona di questo aneddoto crede che tutto sia possibile a questo mondo, basta imparare o provare. Le «persone da opportunità» ragionano con le idee, anche se non si realizzeranno.

Le «persone da procedura» hanno una vita che scorre nel qui e ora e consiste in processi costanti. «Dicono che questo giovane sappia molte cose», chiese il Maestro a proposito di uno dei suoi discepoli. — È vero?». «A dire il vero», rispose il Maestro, «il ragazzo legge così tanto che non riesco a immaginare dove possa avere il tempo di sapere qualcosa!».

Vi darò anche un esempio di tale «uomo delle procedure». Una volta la mia amica chiese al marito di fare da babysitter al suo bambino, che all’epoca aveva tre anni, per la prima volta. All’avvicinarsi dell’ora stabilita, il marito cominciò ad agitarsi: «Cosa devo fare esattamente con lui? A che ora devo dargli da mangiare, con cosa e quanto? Che tipo di libro devo leggere? Quante pagine? Per quanto tempo camminare e dove esattamente? Stavi per andartene e non mi hai lasciato nemmeno le istruzioni!».

In molte tipologie psicologiche questa scala «procedurale» è presente in un modo o nell’altro, perché ci sono tante differenze tra le persone in questo senso. Ci sono spesso scandali e conflitti al riguardo: «Sei noioso. — E tu sei una persona superficiale!». Tuttavia, è del tutto inutile accusare l’uno o l’altro di queste cose.

Se, dopo aver letto fino a questo punto, dite: «Ottimo, ho capito tutto!», siete «uomini-opportunità». Se invece dite: «Va bene, ma come si fa a comunicare con gli altri?». — congratulazioni, siete una «persona da procedura», o almeno state mostrando un interesse procedurale.

Ricordo la prima volta che ho acquistato uno smartphone. Per me era molto importante che questo telefono avesse la possibilità di inviare immagini via e-mail, ascoltare musica, registrare su un registratore vocale e una quindicina di altre funzioni legate all’elaborazione di video e alla conversione di valuta. Ma quando dopo qualche tempo ho cambiato questo smartphone con un altro, mi sono reso conto che non usavo nemmeno la metà di queste funzioni! Tuttavia, lo smartphone successivo aveva ancora tutte queste opzioni. E se ne avessi bisogno? Quanto pesare esattamente in grammi? Per loro, gli «addetti alle procedure», è importante portare a termine le cose. Sono dei realizzatori.

Fate un esperimento del genere: chiedete ad alcuni vostri conoscenti di diversi ambiti di attività di raccontare le vacanze trascorse e ascoltate attentamente! Le «persone di opportunità» diranno: «Viaggio meraviglioso! Avremmo potuto andare lì, avremmo potuto vedere quello!». Anche se è possibile che questa persona non sia andata più in là di un bar, l’idea in sé è così allettante da dispiegarsi nella sua testa che non c’è bisogno di andare altrove. L’opportunità è autovalutabile e autosufficiente!

«PERSONE-OPPORTUNITÀ». — Ci sono molti abiti strani nel guardaroba di una donna: un abito da cocktail, anche se non sono previste feste sociali, un prendisole da spiaggia, ancora con l’etichetta. Oppure — santo cielo! — alcune cose di tre taglie più piccole: e se dimagrisco? Gli uomini possono anche avere una tenda sul soppalco che non è mai stata montata, una canna da pesca o una divisa da hockey: e se volessi andare a pesca o giocare a hockey? — Se l’all inclusive viene venduto a «persone con opportunità», si dice loro: potete usare uno qualsiasi degli 80 bar presenti in qualsiasi momento! Andranno in uno, ma sapere che ci sono altre 79 opzioni renderà la loro vacanza indimenticabile! — Tanti libri che restano chiusi sullo scaffale.

Come diceva mia nonna: «Racconta la storia in ordine, iniziando con ‘Sono entrato, ho salutato’!». Allo stesso modo le «persone-procedura» vi racconteranno: «Abbiamo volato ad Antalya, siamo stati fatti scendere non nel primo terminal, ma nel secondo. Poi c’è stata una grande coda agli sportelli per il rilascio dei visti. Dopo essere stati accompagnati all’autobus, abbiamo viaggiato per tre ore fino al nostro hotel, quando siamo arrivati siamo scesi dall’autobus e siamo venuti alla reception dell’hotel…». Notate che è ancora solo mezzogiorno del giorno di arrivo, gli mancano ancora 14 giorni! Qualsiasi tentativo di accelerare il processo: «Dica, e com’è il mare, com’è il tempo?» — saranno soppressi: «Aspetta, al mare ci arrivo subito, prima ti parlo della nostra camera!».

Se mentre leggete queste righe vi viene già l’acquolina in bocca (quante volte si può fare!), siete un «uomo delle opportunità»! Ma state calmi! Notate quanto è ricco il mondo delle «persone-procedure», quante sfumature sorprendenti, quanti dettagli ci sono. Hanno molta completezza, portano davvero tutto a termine, sanno chiaramente cosa, da dove e perché. A differenza di voi «persone delle opportunità» che non riuscite a descrivere nessuno dei vostri eventi in modo coerente! Avete dettagli non correlati: sabbia calda sulla spiaggia, uno sconosciuto al bar, anguria per cena. E con la relazione delle «persone-procedure» si può guidare come una guida già pronta.

Le persone di tipo diverso sono motivate dalle opportunità. A loro volta, infettano molto facilmente gli altri con le loro idee, attirando queste meravigliose prospettive. Di conseguenza, possono finire per non viaggiare affatto, ma rimanere fermi e fare incetta di idee. O come in quell’aneddoto in cui un turista ubriaco, dopo aver fatto un lungo volo, esce all’aeroporto e chiede all’addetto: «Può dirmi per favore dove sono?». «È vicino al terminal del ritiro bagagli», risponde l’addetto. «Al diavolo i dettagli! In che paese mi trovo?».

Al diavolo i dettagli! Le «persone d’opportunità» sono più propense a comprare tutto in un’unica soluzione da un’agenzia di viaggi per non dover riempire le scartoffie. È la prosa della vita! Sono bravi quando devono parlare di cose importanti, sono bravissimi a lanciare il «fumo di diamante» che si diffonderà negli angoli della stanza del custode. I topi vengono dal gufo e si lamentano: «Siamo così piccoli, tutti ci fanno del male, cosa dobbiamo fare?». — «Dovreste diventare ricci. Anche i ricci sono piccoli, ma nessuno fa loro del male!». I topi si rallegrarono: «Evviva, è una grande idea!». Poi pensarono: «Come possiamo diventare ricci?». Andarono di nuovo dal gufo con questa domanda. «Non so come, sono uno stratega!» — risponde il gufo.

«L’uomo delle opportunità» dà l’idea, mostra che ci sono molte opzioni. E poi l'»uomo delle procedure» viene coinvolto nel processo e dice loro esattamente come fare. Devono lavorare insieme tutto il tempo. Sono partner. Gli «uomini delle procedure» sono come i rinoceronti, vanno in linea retta senza girarsi. Se hanno un processo acceso, è impossibile interromperlo, riprenderà in qualsiasi momento opportuno.

Come «persona delle opportunità», è sempre stato difficile per me scrivere programmi di formazione strutturati. Alla fine, abbiamo stipulato una sorta di contratto con una delle mie colleghe. Lei avrebbe semplicemente scritto in dettaglio tutto ciò che facevo durante la formazione, e poi ne avremmo ricavato un programma.

All'»uomo delle procedure» piace mettere in ordine il caos: dal fatto che esiste una chiara sequenza di azioni, dal fatto che non gli sfugge il più piccolo dettaglio, dal fatto che rende reali le possibilità. Esiste anche una professione di questo tipo: il debugging dei processi aziendali. Senza un «addetto alle procedure» che scriva la tecnologia, non si farà comunque nulla. Un tecnologo, un redattore — qualcuno deve essere presente per chiarire «quanto pesare in grammi». Gli avvocati sono molto visibili nella formazione: fanno domande procedurali perché questa è la loro specialità, la loro professione, ed è per questo che hanno successo. Anche i commercialisti — non i consulenti finanziari che escogitano «schemi», ma i commercialisti onesti.

«PERSONE PROCEDURALI» — Non so proprio di cosa si tratti. Se ho bisogno di una tenda, la compro! Se perdo peso, cambio il mio guardaroba! — In vacanza preferiscono un pacchetto turistico: incontro, accompagnamento, alloggio. Devono farsi un programma di vacanza, scrivere: colazione nel ristorante al piano terra, pranzo in spiaggia, escursione alle 9.00. — Comprano un libro e lo leggono subito, e quando lo finiscono ne comprano un altro. E anche se comprano due o tre libri, ne leggono due o tre contemporaneamente.

Per l'»uomo delle opportunità» è importante descrivere il fumo di diamante di una nuova prospettiva, che ha già preso fuoco. E per l'»uomo delle procedure», la cosa principale è non cedere. Ricordo bene come in un’azienda i dipendenti si lamentavano del loro manager. Oggi lui condivide con entusiasmo i suoi piani: avremo questo e quello, domani si comincia! Ma domani arriva e dice qualcosa di completamente diverso: allora, non facciamo più questo e quello, ho un’idea diversa. E se l'»uomo delle procedure» si lascia ingannare dal «fumo dei diamanti», può rimanere deluso, soprattutto nella vita familiare. Quindi ci si può sedere e parlare con la persona di ciò che sogna come procedura. E la realizzazione è un altro processo.

Ma se siete una «persona da procedura», rendetevi conto che le «persone da opportunità» non sono idioti che non sanno cosa vogliono. È solo che sono sempre nel mondo delle idee e si divertono. E viceversa, anche sullo sfondo della vita più favorevole, con un lavoro, soldi, casa, famiglia, possono deprimersi semplicemente per la mancanza di opportunità. Anche se hanno i soldi per le necessità, possono soffrire se finiscono i soldi per il surplus. Al contrario, le persone-procedura hanno sempre un senso nella vita e non soffrono di una vaga insoddisfazione in un luogo vuoto.

In effetti, se non ci fossero idee, il mondo non andrebbe da nessuna parte, ma se non ci fossero procedure, rimarrebbe esattamente dov’è. Siamo diversi, e questo è meraviglioso!

I bambini sono molto procedurali. Quando i genitori danno loro un giocattolo, ad esempio una macchina telecomandata, possono lanciarla in un angolo lontano, mentre la macchina rimane per loro una possibilità incomprensibile. Affinché inizino a giocarci, gli adulti devono insegnare la procedura: come controllarla, come fermarla. Ed è molto importante non perdere il momento del passaggio dalle procedure alle opportunità, la scuola non lo fa bene! Ma gli anziani non sono meno procedurali. Un nonno al nipote sulla spiaggia: «Perché corri? Sei venuto per riposare, quindi sdraiati e riposa!». Non è forse questo il senso della parabola: una volta una nipote disse alla nonna: «Tutti gli uomini sono uguali! Nonna, lui deve solo dirmi «ciao» per la prima volta, e io so già come si comporterà in seguito, quali barzellette raccontare, come sorridere, come toccare, come litigare e andarsene». — Ti sbagli, nipote. Tutti gli uomini sono diversi. Ti piacciono gli uomini modesti e «casalinghi»? Allora perché ti lamenti di avere un altro noioso che non vuole uscire di casa? Se scegliete un uomo «anima della compagnia», allora non stupitevi di doverlo condividere con le amiche, e spesso con le fidanzate. Se amate i romantici, preparatevi non solo a candele, poesie e champagne, ma anche a periodiche depressioni e sparizioni, che lui spiegherà come «crisi creative». Scegliete un uomo, dietro il quale potete stare come dietro un muro di pietra, — non stupitevi di non trovare in queste mura la porta della libertà. Le donne scelgono uomini simili e poi si sorprendono che sono tutti uguali.