L’ONU a favore della legalizzazione delle droghe

La Commissione Globale delle Nazioni Unite ha concluso che la legalizzazione delle droghe in tutto il mondo e l’interruzione dei processi contro i tossicodipendenti sarebbero più efficaci di una guerra contro la diffusione delle droghe. Leggi tutto su rbc.ru

Oleg BUZIK, vicedirettore del Centro scientifico e pratico di narcologia di Mosca del Dipartimento della salute della città di Mosca, dottore in scienze mediche, professore del Dipartimento di narcologia dell’Accademia russa di educazione medica e sanità pubblica.

La legalizzazione delle droghe non può portare a una riduzione della domanda e del consumo di droga. Si tratta di un mito che avvantaggia solo i trafficanti di droga. Tutto sarà esattamente il contrario, avremo un’epidemia di tossicodipendenza senza precedenti e, prima di tutto, un aumento del numero di consumatori minorenni.

La mancanza o l’insufficiente efficacia della lotta al narcotraffico porta a un aumento del traffico di droga. L’aumento del consumo di stupefacenti è legato alla loro crescente disponibilità e alla sofisticazione dei narcotrafficanti, per cui la lotta alla mafia della droga deve essere dura. La legalizzazione delle droghe è un percorso diretto verso la degenerazione dell’umanità. L’unica cosa che otterremo è un cambiamento della psicologia. Le droghe diventeranno la norma della vita, proprio come gli Snickers, i lecca-lecca e le sigarette. In questa situazione, i più inadatti saranno a forte rischio. Non parlo degli adolescenti, che hanno un’attività di ricerca ipertrofica. Sicuramente ci proveranno, anche se potrebbero diventare dipendenti dopo la prima iniezione.