Lasciate che il vostro sogno diventi realtà

Permettete al vostro sogno di diventare realtà!

Il nuovo anno è il momento in cui i desideri si realizzano. E a questo importante appuntamento ci siamo avvicinati in armatura completa. Quando esprimiamo un desiderio, abbiamo già un’idea chiara di ciò che vogliamo e abbiamo anche fissato delle scadenze! Forse, alcune cose si sono già avverate. Permettete al vostro sogno di realizzarsi.

Tuttavia, a giudicare dalle lettere, ci sono anche sentimenti di questo tipo: «Ma perché, perché, nonostante tutta la tecnologia, il mio desiderio non si realizza?». Succede davvero! Il punto è che possono esserci delle contraddizioni dentro di noi. Ad esempio, una persona vuole diventare ricca, ma inconsciamente teme che, se diventa ricca, perderà i suoi amici e comunicherà meno con la sua famiglia. Nel suo caso, il desiderio di avere amici è più forte e prevale sul desiderio di trasformarsi in un sacco d’oro.

Ecco perché a questo punto è importante guardarsi intorno. Un desiderio è una piantina esotica che avete piantato nel vostro giardino e dovete assicurarvi che non ci siano erbacce in giro.

Sergey sognava di andare in Africa, cercando un posto dove poter guadagnare soldi per andarci in vacanza. È rimasto molto sorpreso quando, insieme ai suoi colleghi, gli è stato offerto di lavorare come medico per due anni in un Paese africano. Non solo ha potuto visitare l’Africa, ma ha anche guadagnato soldi e ha ottenuto una posizione dirigenziale che desiderava da tempo. In altre parole, tre desideri si sono avverati in uno! E i suoi pazienti, riconoscenti, lo hanno portato in gita in luoghi che non avrebbe mai visitato come turista.

Quindi chiedetevi: questo sogno è in conflitto con altri vostri atteggiamenti?

Come si fa a risolvere le contraddizioni? Suggerisco questo rituale magico. Immaginate di aver piantato il vostro desiderio: prendete un seme, lo seppellite nel terreno e iniziate a concimarlo e innaffiarlo in tutti i modi possibili. Il sole non lo brucia direttamente? Ci sono erbacce nocive? Quali sono queste erbacce? Per esempio, l’atteggiamento: «Non avrai successo perché non hai mai avuto successo in niente». Potete tranquillamente estirpare questa erbaccia e al suo posto mettere una bella staccionata che dica: «Ho diritto alla felicità. È ora che mi succeda qualcosa di bello!».

Oppure si può notare che il germoglio è ombreggiato da un pino che lo blocca dal sole. Che cos’è quel pino? Probabilmente vi sta dicendo che non avete tempo per le sciocchezze, che dovete solo lavorare, lavorare e lavorare! Pertanto, trapiantate il vostro fiore in un altro luogo: potrete lavorare e godere dell’autorealizzazione creativa!

Vi chiederete come tradurre tutto questo dal linguaggio delle metafore alla vita reale.

È importante creare un gruppo di sostegno per voi stessi. Ricordate come il Piccolo Principe copriva la sua rosa dal vento, eliminando i bruchi. Era un gruppo di sostegno per lei! Probabilmente nell’ambiente ci sono abbastanza bruchi scettici che raffreddano qualsiasi impulso. Quindi circondatevi di persone che la pensano come voi, che credono in voi insieme a voi.

Lena, 35 anni Al marito di Lena piacciono le donne che assomigliano a sua madre, ma sua madre è grassa e Lena è una ragazza gonfia che non riesce a perdere peso, per quanto si sforzi, nessun metodo funziona. Così Lena ha smesso di perdere peso! Ha capito perché aveva bisogno di perdere peso e ha finalmente capito che a suo marito piaceva così com’era.

Dividere a metà il foglio di carta con una linea verticale. Scrivete sul lato destro del foglio. Per esempio: «Credo che i miei desideri si avverino!». Oppure: «Avrò successo perché sono una persona fortunata!». Qui potete ricordare tutti i casi di fortuna, a partire da quando non siete stati chiamati alla lavagna in terza elementare fino alla vincita alla lotteria.

E sull’altro lato del foglio, quello sinistro, scrivete le affermazioni che, al contrario, interferiscono. Ad esempio: «Nessuno nella nostra famiglia era ricco», «Tutte le persone pensano solo a come arricchirsi a spese dei loro vicini», «L’uomo è un lupo per l’uomo». Guardate e capite cosa delle parole scritte è importante per voi.

Per esempio, il postulato che nessuno nella vostra famiglia era ricco, e quindi non diventerete ricchi. Forse, per diventare ricchi, dovrete trasferirvi lontano o staccarvi da tutto ciò che vi circonda. Conosco diverse persone che hanno fatto proprio questo: hanno lasciato la loro piccola città natale e hanno avviato un’attività in proprio. Se questa è la vostra strada, se siete pronti a sacrificare la vostra «piccola patria» — bene. E se non lo siete, allora trovate un’opzione di compromesso. Ad esempio, aggiungete qualcosa come: «… e allo stesso tempo mantenere buoni rapporti con i vostri parenti!» all’espressione originale «arricchirsi».

Oksana, 29 anni Per molti anni ha desiderato diventare bella e si è impegnata a fondo. Ma all’ultimo momento tutto viene continuamente stravolto e lei non riesce a trasformarsi da bruco in farfalla. Il suo problema è che non riesce a decidere da sola cosa vuole. Ha paura di diventare bella e di iniziare a tradire il marito. Nel suo caso, la cosa principale è formulare il giusto desiderio: «diventare bella e rimanere una moglie fedele».

E poi è questione di poco altro. Quando si fa questo lavoro, è necessario (e Capodanno è il momento più adatto!) fare qualche rito associato all’espressione di un desiderio. Sicuramente ognuno ha il suo: chi scrive su un foglio di carta e lo brucia, chi lo sigilla in una busta e lo nasconde, chi manda una lettera a Babbo Natale. Alcuni legano un biglietto a un palloncino e lo liberano in aria. Se non avete alcuna tradizione in merito, inventatene una per voi. In breve, lasciate andare il vostro desiderio e dimenticatelo. Dagli la possibilità di realizzarsi.

È importante anche permettersi di accettare l’aiuto! Altrimenti può succedere come nell’aneddoto. C’era un’alluvione e un uomo si rifiutò di evacuare con gli altri abitanti del villaggio. «Mi affiderò alla grazia di Dio per salvarmi!», rispose categoricamente. — rispose categoricamente. E l’acqua continuò ad arrivare. Quando arrivò una barca per recuperare gli altri abitanti del villaggio, si rifiutò di tuffarsi. Poi arrivò un elicottero, ma anche allora non volle salirci. Alla fine annegò. Nell’altro mondo pregò: «Signore, perché non mi hai salvato, avevo tanta speranza in te!». — «Cosa vuol dire che non mi hai salvato? Ho persino mandato un elicottero a prenderti quando ho visto che non eri partito con la barca!».

Se il modo inaspettato di realizzarsi che vi viene offerto non è in conflitto con i vostri valori, perché non accettarlo? Se i vostri piani vengono sconvolti, accettatelo volentieri!

Questo non significa che dovete rilassarvi e piegare le gambe, ma che dovete avere una visione più ampia della situazione. Spesso sono i nostri paraocchi a impedirci di vedere le possibilità. Guardatevi intorno!

Ma anche se non credete nella realizzazione dei desideri, lasciate che almeno un desiderio si avveri a Capodanno!

Victor ha scritto che la realizzazione del piano aziendale è il suo desiderio principale. Aveva fissato una scadenza di due anni. Poi si scoprì che se ne era dimenticato. Ci sono stati molti cambiamenti nella sua vita: è nato un bambino, ha cambiato occupazione. Prima lavorava nel settore immobiliare, ora lavorava in banca come dipendente. E all’improvviso, qualche tempo dopo, come mi ha raccontato, ha provato un’eccitazione molto strana. Come risultato della sua ricerca, Victor ha trovato un appartamento interessante, che veniva venduto con grande urgenza e a poco prezzo, lo ha comprato, lo ha rivenduto e ci ha guadagnato il 100%. Solo per hobby. Si siede lì, perplesso, pensando: «Come è potuto accadere, non ci avevo pensato affatto!». Poi ha trovato gli appunti di un seminario in cui si proponeva di diventare un agente immobiliare efficace in due anni, e ha fissato il 100% di profitto come criterio di efficacia — e solo per luglio 2009. Due anni fa, Victor non poteva nemmeno immaginare che a quel punto ci sarebbe stata una stagnazione del mercato immobiliare. Era sconvolto dal fatto che questo programma interno che aveva costruito in lui stesse vivendo la sua vita e si stesse sviluppando nei tempi previsti.