La causa del fumo è un trauma infantile

La causa del fumo è il trauma infantile

In un nuovo studio, gli scienziati spiegano come gli eventi avversi dell’infanzia (ACE) influenzino la dipendenza dal fumo, soprattutto nelle donne. Pertanto, per combattere efficacemente la dipendenza da nicotina di un adulto, è importante considerare il suo stato psicologico quando era bambino.

Secondo gli esperti, le ACE possono spaziare dall’abuso emotivo, fisico e sessuale all’abbandono e alle disfunzioni familiari. In generale, molte persone possono essere influenzate da tali circostanze.

In uno dei più grandi studi sui DANS, è stato intervistato più del 60% della popolazione adulta: ai partecipanti è stato chiesto di raccontare almeno una storia rilevante della loro infanzia. Si ipotizza che i DANS abbiano effetti a lungo termine sullo sviluppo dei bambini e possano portare a comportamenti non salutari in età avanzata.

Ricerche passate hanno dimostrato che alcuni disturbi mentali, come la depressione e l’ansia, aumentano il rischio di fumare. Nello studio attuale, i ricercatori hanno collaborato per esaminare l’effetto del disagio psicologico sulla relazione tra NSD e fumo in età adulta.

Più di 7.000 persone hanno compilato il questionario NSD, di cui circa la metà erano donne. Dopo aver preso in considerazione tutti i possibili fattori che influenzano la dipendenza dalla nicotina (fumo dei genitori, consumo di alcol nel mese precedente, ecc.), gli scienziati sono giunti alla conclusione che le donne che hanno subito abusi psicologici o fisici durante l’infanzia fumano 1,4 volte più spesso degli uomini.

I ricercatori hanno anche scoperto che il fatto che i genitori di una ragazza siano stati in prigione raddoppia la sua tendenza a fumare da adulta.

Secondo gli esperti, lo stress psicologico aumenta la probabilità che una persona fumi — in questo caso, non importa se si tratta di un uomo o di una donna. «Dato che la NSD aumenta il rischio di stress psicologico sia per gli uomini che per le donne, sembra logico che una persona che ha sofferto di NSD abbia maggiori probabilità di fumare», spiega l’autrice principale dello studio, la dottoressa Tara Strain. — Tuttavia, nel nostro studio, la NSD influisce sul fumo solo tra le donne. Potremmo quindi ipotizzare che gli uomini abbiano meccanismi diversi che li aiutano ad affrontare l’NSD».

I nostri risultati suggeriscono che, tra le donne, il meccanismo principale che collega NSD e fumo è il disagio psicologico, soprattutto tra quelle donne che hanno subito abusi psicologici o fisici o sono state trascurate fisicamente durante l’infanzia». Riteniamo che la comprensione delle potenziali relazioni tra i traumi infantili e il successivo disagio psicologico possa portare a un’efficace cessazione del fumo», aggiunge l’autrice.»

Fonte: psychcentral.com