Facciamo un po’ di swing! A letto…

Balliamo lo swing! A letto...

Quando si dorme nello stesso letto con la stessa persona per dieci anni, prima o poi tutto diventa noioso e ordinario. Involontariamente si desidera qualcosa di nuovo. Cosa fare — andare «a sinistra»? Esiste un modo ideale per diversificare la relazione: lo scambismo, secondo alcuni partner. E di fronte al proprio amato o alla propria amata fare sesso con altri.

Si dice che gli antichi romani amassero le orge sessuali e incoraggiassero il sesso con una grande varietà di partner. Gli uomini e le donne delle classi alte non consideravano vergognoso avere schiavi e schiave del sesso, darseli a vicenda e organizzare feste in cui scambiare i partner. Oggi le coppie che praticano atteggiamenti simili sono chiamate scambisti.

Questa parola ci è arrivata dall’Inghilterra. Negli anni Sessanta del XX secolo, quando Londra diventava una delle mete preferite della moda e della musica, si parlava di Swinging London («Londra che cambia»). E il termine «swinging» cominciò a essere associato agli hippy, che dormivano insieme e facevano feste in campagna «con le chiavi della macchina». Alla fine della serata, tutti gettano le chiavi dell’auto in un vaso e poi tirano senza guardare. Chi ha le chiavi, passa la notte con lui. È in occasione di questi eventi che le coppie si riunivano per scambiarsi i partner. Gli attuali scambisti di tutto il mondo hanno un proprio codice di regole, e chi non le segue non viene riconosciuto come proprio.

«Non siamo interessati a un semplice ‘rapporto a tre’. Vogliamo avere una relazione continuativa con una o due altre coppie», mi scrive una donna scambista. Lei e suo marito sono stati insieme per circa sette anni prima di rendersi conto che il sesso nel proprio letto non era più piacevole ed era arrivato il momento di cambiare. Qualcosa o qualcuno. Così hanno deciso di cambiare partner.

Lo swing può essere aperto e chiuso. Nel primo caso, ai partner piace guardare come l’altra metà fa l’amore, nel secondo — ognuno è appartato con un nuovo partner in una stanza separata. Esiste anche il soft swinging. Chi lo preferisce si scambia il partner solo per il tempo dei preliminari al rapporto sessuale. A volte nel soft swinging le coppie praticano carezze orali.

Gli stessi scambisti si dividono in diverse categorie.

1. Coppie che cercano una o due famiglie per incontri regolari e amicizia. Per loro è importante trovare persone con cui sia interessante non solo fare sesso, ma anche socializzare. Gli scambisti di questa categoria preferiscono incontrarsi con i loro «amici» nei loro appartamenti o dacie. Nel peggiore dei casi, affittano una stanza d’albergo per il periodo degli incontri.

2. Coppie che fingono di essere alla ricerca di un partner fisso. In realtà, il susseguirsi di persone che passano per il loro letto non finisce mai.

3. coloro che non sono timidi e non si tirano indietro di fronte a nulla. Oltre alle feste in appartamento per soddisfare i loro desideri, vanno nei club di scambisti. Di solito c’è lo spazio necessario, abbastanza persone e alcol per scambiarsi i partner per tutta la notte.

Irina LEBED, psicologa, psicoterapeuta, coach

Nello scambismo spesso sotto la maschera degli interessi comuni si nasconde la soppressione della personalità di uno dei partner, la coercizione al sesso, basata sulla paura della rottura dei rapporti. Di norma, in queste coppie l’uomo o la donna sono dipendenti e impotenti. Uno dei due ha paura della solitudine e di essere indesiderato, mentre l’altro si pone come una persona autorevole che prende decisioni unilaterali.

Ad esempio, una donna ha paura di perdere un uomo e presenta la sua scelta con la frase: «Voglio farlo da sola, siamo vicini a mio marito e si tratta solo di sesso, niente di personale». Naturalmente, si tratta solo di un autoinganno, la cui ragione risiede nell’infanzia. Quanto meno un bambino riceve attenzioni, amore, sente lo stato di bisogno, tanto più, diventando adulto, cercherà di fare del male agli altri, come una volta le persone amate gli causavano sofferenza. Ottenendo potere sul partner, riproduce lo stato di sottomissione al genitore tiranno.

Marat LATYPOV, psicologo praticante, formatore, coach

Lo scambismo è spesso un’espressione di libertà e indipendenza, e forse un desiderio di aumentare la propria autostima. Qualcuno la pensa così: «Se nessuno ha bisogno di mia moglie, io non ho bisogno di lei». In questo caso, si tratta di elevare lo status del partner. Lo scambismo può essere una forma particolare di masochismo. È necessario rendersi conto di quale sia il bisogno di base e di come possa essere soddisfatto in altri modi. Le persone che sono diventate scambiste dovrebbero sempre avere un’alternativa.

CLUB SCAMBISTI

«Abbiamo il nostro posto preferito a Mosca. Ci andiamo una volta al mese o una volta ogni due mesi, quando il carico di lavoro ce lo consente», dice il marito scambista. — E ci sono un paio di altri posti preferiti: uno in Germania, dove andiamo spesso in vacanza, e uno a San Pietroburgo. Probabilmente vi sarete immaginati che lì tutto sia come nel film «Eyes Wide Shut», interpretato da Tom Cruise e Nicole Kidman. Non è affatto così. È molto più prosaico, ma non meno eccitante».

Luoghi in cui è possibile incontrare e trascorrere del tempo con il marito di qualcuno o con la moglie di qualcun altro: lo stagno. E non solo nella capitale. Tutti hanno le loro regole, la principale delle quali è che tutto deve avvenire solo di comune accordo.

«Una volta ho notato una coppia in cui la moglie non voleva assolutamente cambiare partner», racconta un visitatore del club. — Sembra che fosse la prima volta che venivano in un posto del genere. Il marito insisteva: stava già aspettando una donna su un divano vicino e spingeva la moglie a prendere la decisione di cui aveva bisogno. Ma l’amministratore, che tiene sempre d’occhio ciò che accade, ha subito riconosciuto la situazione e la coppia è stata rimandata a casa.

Nella capitale si possono trovare strutture altalenanti per tutti i gusti. Tutto dipende dal budget: meno soldi, meno estetica e comfort. In molti club è necessario iscriversi in anticipo, acquistare un abbonamento e sottoporsi al controllo del viso. Di solito le ragazze possono entrare gratuitamente nei club di scambisti, ma il prezzo d’ingresso per gli uomini single è piuttosto alto.

М. Л.:

L’esistenza stessa dei club e le regole in essi contenute semplificano lo scambismo (sicurezza, intimità, anonimato, ecc.). E questo è un aspetto positivo. D’altra parte, l’accessibilità di questi locali favorisce lo sviluppo di questa tendenza invece dei valori tradizionali della famiglia.

SESSO-MOGLIE.

Gli scambisti sono convinti che la donna abbia bisogno di libertà sessuale più dell’uomo. E solo se il marito dà alla moglie piena carta bianca per il sesso a latere, il rapporto in famiglia sarà davvero armonioso. Al coniuge vengono offerte diverse opzioni: sia rimanere fedele alla moglie sessuomane, sia cambiare partner di tanto in tanto.

«Mio marito capisce che ne ho bisogno. E mi accetta così come sono», dice una sex-wife. — Ma lui stesso non è interessato ad altre donne, quindi mi rimane fedele. Tranne una o due volte all’anno, quando lo trascino nei club di scambisti, fa sesso con qualcuno. E a volte si limita a guardare o a masturbarsi».

И. Л.:

Vi sembra di essere arrivati nel paese delle assurdità, dove tutto è confuso e gli abitanti sono riusciti a capovolgere le loro opinioni e convinzioni e a vivere così? Sembra proprio la verità. In questa coppia è il contrario: la donna interpreta il ruolo maschile e l’uomo quello femminile. E non aspettatevi l’obiettività degli scambisti: come gli alcolisti, vi diranno sempre quanto è bello e bello farlo!

М. Л.:

Le ragioni di questo fenomeno possono essere molteplici, ma vorrei sottolinearne due: il desiderio della donna di aumentare la propria autostima attraverso la propria disponibilità e la ninfomania. Una donna del genere fa molto sesso, ma la domanda è un’altra: ha amore? Il marito, che condivide la moglie con altri, la ama? O forse coltiva i suoi desideri masochistici? È possibile, ovviamente, separare l’amore dal sesso, ma di solito è molto difficile.

CHIAMATA DI DISTURBO

Lo scambismo è un’attività antica quanto la civiltà stessa. Gli antichi romani si scambiavano le mogli in base all’idea che la varietà di una donna le desse una nuova luce negli occhi, oltre che valore agli occhi del marito. Per molti versi, questo riecheggia le considerazioni dei moderni scambisti: mia moglie è andata a letto con un altro e poi è tornata da me — quindi sono il migliore… Non cambia nulla, non cambia nessuno. Lo scambismo come modalità di matrimonio è un forte SOS su tutti i fronti: i coniugi sono talmente stufi l’uno dell’altro che sono pronti a mandare ufficialmente il proprio partner tra le braccia di un altro/altra, solo per trovare un po’ di gioia nell’intimità. Le giustificazioni dello scambismo di solito psicologizzano le violazioni sessuali: che lo si voglia così, o in un altro modo non si può, ma la cosa principale — tutto secondo il piano, e non dalla disperazione. Beh, se Dio vuole. Soprattutto se il secondo partner (più spesso — partner) si riferisce al divertimento almeno con indifferenza. Ma bisogna ricordare che lo scambismo, come qualsiasi altra richiesta intima, può essere motivo di discordia in famiglia.

Yuri PROKOPENKO, candidato a scienze mediche, medico-sessuologo.

DOMANDA PRINCIPALE

Gli swing club attribuiscono grande importanza alla sicurezza e ai contraccettivi: i preservativi vengono distribuiti gratuitamente in quantità illimitata. Tuttavia, è possibile contrarre una malattia sessualmente trasmissibile. Soprattutto perché gli uomini single vengono periodicamente nei club con le prostitute, fingendo di essere le loro mogli.

Ma, oltre alle malattie, c’è un’altra probabile conseguenza di questi incontri: la gravidanza. Se una coppia nel corso del mese cambia più volte partner (beh, che sia una sola volta), le possibilità di capire da chi la donna sia rimasta incinta sono molto ridotte. Ma il fatto stesso di una gravidanza può essere un grande shock per tutti.

«Ci siamo passati», dice la moglie scambista. — Io e mio marito siamo usciti con la stessa coppia nei fine settimana per tre mesi. È stato semplicemente favoloso! I ragazzi sono fantastici, entrambi belli. Pensavo che le nostre coppie fossero perfette l’una per l’altra. E poi… abbiamo già due figli, e poi mi sono accorta di essere di nuovo incinta. Non riesco a capire di chi si tratti, ma le probabilità sono contro entrambi. Abbiamo deciso di dirlo ai nostri amici e sono rimasti entrambi scioccati. Soprattutto, come si è scoperto, la moglie. Si è scoperto che stavano provando da tre anni a rimanere incinta senza successo, e ora questo. Ed è possibile che il marito sia il padre. Chi è lei in questo caso? Non abbiamo avuto il coraggio di avere un figlio e non abbiamo più incontrato questa coppia».

М. Л.:

Lo scambismo è, dopo tutto, «uscire dagli schemi». La gravidanza, in questo caso, è una conseguenza della libertà incontrollata e del mancato rispetto di regole elementari. A mio parere, le persone che decidono di avere relazioni di questo tipo non dovrebbero pensare nemmeno una volta alle conseguenze: siamo noi a controllare i nostri desideri, non i desideri.

Secondo le statistiche, una coppia su due ha «provato» lo scambismo in una forma o nell’altra. E circa il 20% dei partner che sono venuti a cercare nuove sensazioni, rimangono insoddisfatti del sesso durante gli incontri di scambismo. Nel 70% dei casi, l’iniziatore dello scambismo è un uomo.

И. Л.:

Per quanto lo scambismo possa essere presentato in modo gentile, si tratta di un istinto animale: è il modo in cui i maschi competono per vedere chi ha avuto più femmine. Le donne spesso provano sensi di colpa e vergogna dopo questi incontri. In alcune, lo stato di cattiveria diventa patologico e la «vittima» dello scambismo smette di accettarsi.

М. Л.:

Purtroppo molte coppie cercano una soluzione ai propri problemi sessuali non all’interno, ma all’esterno. Tuttavia, la «rivitalizzazione» sessuale di una relazione può avvenire solo se i due si sforzano di farlo. L’amore non arriva con l’aumento del numero di partner e il desiderio di varietà non fa che allontanare, non avvicinare.