Anatomia della bellezza. Che cos’è la bellezza

Anatomia della bellezza. Che cos'è la bellezza?

Esistono due prospettive sulla bellezza. Secondo la prima, la bellezza è negli occhi di chi guarda e ciò che piace a una persona non è necessariamente ciò che piace a un’altra. Gli standard di bellezza sono imposti dalla società e se siamo attratti da persone con determinati parametri è perché tutto intorno a noi urla: ecco l’ideale di bellezza. Il secondo punto di vista suggerisce che la bellezza è di natura biologica. Abbiamo un rilevatore di bellezza incorporato e ciò che è bello a Mosca è bello in Uganda. La verità, come sempre, si trova tra questi due punti, ma più vicina al secondo.

La base biologica della bellezza ha molte prove. Ad esempio, i bambini di un giorno, quando vengono mostrati volti belli o brutti nelle fotografie, preferiscono guardare più a lungo quelli belli. Non si sa ancora quale meccanismo cerebrale sia responsabile di questo comportamento, ma è presente. Questo meccanismo funziona in modo inconscio e automatico. In un esperimento sono stati mostrati volti belli e mediocri per soli 13 millisecondi: con una durata così breve, le persone pensano di non aver visto nulla. Ai partecipanti è stato chiesto di valutare i volti tremolanti a prescindere, e con grande accuratezza le persone hanno dato voti alti ai volti belli e bassi a quelli brutti.

Pur trattandosi di giudizi estetici, questi hanno una natura biologica: parlano di salute, giovinezza e predisposizione alla procreazione. Quindi cosa ci piace?

VISO

Più il viso è simmetrico, più è bello. Gli esperimenti di creazione di volti composti hanno dimostrato che se si raccolgono molti volti e si ottiene qualcosa di medio, questo diventa più bello con ogni nuovo volto. È un fenomeno sorprendente con cui potete giocare sul sito web del Face Research lab.

Il motivo per cui questo accade non è ancora del tutto chiaro, perché non è semplice: ci sono i cosiddetti visi iper-attraenti che escono da questa regola. Forse la medietà del viso indica la stabilità del genotipo e la simmetria — l’assenza di gravi malattie nell’infanzia (le malattie respiratorie e parassitarie possono modificare i tratti del viso).

Il rossore sulle guance quando una ragazza arrossisce è segno non solo che è giovane, ma anche che le piacete. Se una persona ha le guance arrossate, significa che il suo cuore ha cambiato ritmo e che il sangue ricco di emoglobina ha raggiunto la superficie della pelle, e questo è un segno di salute e di giovinezza; invecchiando, è meno probabile che si arrossisca.

Gli uomini con gli occhi azzurri hanno maggiori probabilità di piacere alle donne con gli occhi azzurri. Per gli altri colori degli occhi e per le donne non funziona. C’è una spiegazione, una prova di fedeltà della donna: il colore degli occhi azzurri è un tratto recessivo e se entrambi i genitori hanno gli occhi azzurri, non possono avere un figlio con gli occhi marroni o verdi.

COSA C’È NEL NOME?

Gli psicologi si sono chiesti come il nostro nome influisca sulla nostra percezione di attrattività. Utilizzando il sito web HotOrNot.com, in cui le persone valutano l’attrattiva degli altri e ricevono valutazioni a loro volta, Amy Perforz del Massachusetts Institute of Technology ha pubblicato 24 foto di uomini e donne, ripetutamente ma con nomi diversi.

Alcuni nomi rendevano gli uomini e le donne più attraenti, altri no. Per gli uomini, i nomi Jake, Ben, Matt o Rich rendevano il portatore più bello di Paul, George, Tom o Lou. Nelle donne, i nomi Laura, Julie, Susan e Holly rendevano il portatore più bello di Liz, Annie o Jamie. La differenza sta nella pronuncia dei nomi e nel punto esatto della bocca in cui vengono prodotti i suoni. Inoltre, i nomi tipicamente maschili o tipicamente femminili aumentavano l’attrattiva, mentre i nomi androgini (quelli che possono essere indossati da entrambi i sessi) non lo facevano.

Secondo un altro studio, i nomi famosi — quelli portati da persone popolari — danno un vantaggio a chi li porta se sono caricati positivamente. È chiaro che il nome Adolf non porta nulla di buono.

Un bel nome aumenta i voti a scuola e le possibilità di essere assunti. Secondo uno studio, una persona con un nome e un cognome belli ha una probabilità 20 volte maggiore di ottenere un lavoro rispetto a una persona con un nome brutto.

Gu?guen N., Pascual A. Le persone con patronimici molto attraenti sono più occupabili? Una valutazione sul campo // European Journal of Economics, Finance and Administrative Sciences. 2011. 38.

Perfors A. Cosa c’è in un nome? L’effetto del simbolismo dei suoni sulla percezione dell’attrattiva del viso // Paper presentato al CogSci 2004, Aug. 5-7, Chicago, USA.

Anche la mascolinità o la femminilità influiscono sull’attrattiva. La mascolinità è determinata dai livelli di testosterone, mentre la femminilità dai livelli di estrogeni. Il funzionamento è semplice: il volume delle labbra di una donna, la dimensione del mento, la rotondità delle guance e l’altezza delle sopracciglia indicano la presenza di estrogeni e, allo stesso tempo, la sua disponibilità a diventare madre.

Il viso di una donna diventa più attraente a metà del ciclo mestruale, quando i livelli ormonali femminili sono al massimo. È il momento migliore per concepire e l’evoluzione ha insegnato agli uomini ad ammirarlo.

I cosmetici aiutano a creare lo stesso viso anche nel resto dei giorni. Gli scavi archeologici stanno portando alla luce primitivi kit di trucco degli antichi, dimostrando che migliaia di anni fa le donne avevano già scoperto questo segreto. Nella tomba di Tutankhamon è stata trovata una crema idratante per la pelle realizzata oltre tremila anni fa. Un po’ di lavoro davanti allo specchio con pennelli, cipria e rossetto può far sembrare gli occhi più grandi, le labbra più piene e le guance più rosse, creando un’immagine completa di una donna al suo meglio.

CAPELLI

I capelli sono un altro elemento di attrattiva che ha anche una natura evolutiva e biologica: rappresentano una grande immagine della salute di una persona. Pertanto, nel corso di milioni di anni, abbiamo imparato a valutare inconsciamente i capelli come indicatore di bellezza. Il nostro cervello può capire dai capelli se una donna è stata incinta: i capelli si dividono e diventano più scuri. Oggi le donne cercano di nascondere questo fenomeno tagliando i capelli corti. Se prendiamo in considerazione alcune centinaia di donne di età diverse, possiamo notare questo collegamento: le ragazze non sposate e non incinte hanno capelli più lunghi, che piacciono di più agli uomini rispetto ai capelli corti. Anche le donne apprezzano la presenza di capelli sulla testa degli uomini, e una testa rasata liscia aggiunge solo eccezionalmente punti di attrattiva al suo proprietario.

DENARO PER LA BELLEZZA

Scienziati cinesi hanno suggerito che la bellezza non ha nemmeno bisogno di essere confermata dalle parole. Hanno selezionato i ciondoli più e meno venduti in un negozio online e li hanno mostrati ad alta velocità alle partecipanti all’esperimento, misurando l’attività cerebrale con l’EEG. È emerso che la valutazione emotiva dell’attrattiva dell’oggetto avviene molto presto — al 200° millisecondo di visione (si tratta di un tempo inferiore a quello che impieghiamo per sbattere le palpebre) — e la forza del segnale di reazione a un oggetto più bello è leggermente maggiore rispetto a quello brutto. Le persone che acquistano gioielli sul sito hanno votato con i loro soldi. Quindi, i pezzi più venduti sono effettivamente i più belli.

Agli uomini piacciono le bionde. I motivi sono diversi: in primo luogo, è più facile individuare una bionda in mezzo a una folla di concorrenti con i capelli scuri, e in natura questo colore di capelli è più raro. In secondo luogo, in passato i capelli biondi non mentivano: l’età, le malattie e le gravidanze riducono la luminosità e scuriscono i capelli, mentre una giovane bionda poteva già mostrare da lontano con i suoi capelli di essere sana, libera e bella. Non a caso, quando impariamo a conoscere la proporzione tra i colori dei capelli, scopriamo che sia le riviste che le pubblicità mostrano un’immagine distorta dando uno spazio sproporzionato alle bionde.

SENO.

Perché un seno relativamente grande sia così attraente rimane un mistero. Siamo gli unici mammiferi a prestare tanta attenzione alle dimensioni del seno. In altri animali, un seno del genere è associato alla maternità e alla preoccupazione della femmina per la prole piuttosto che per il sesso. Nell’uomo, invece, il seno grande è ancora una volta un segno eloquente di salute, giovinezza e fertilità.

SCUSA, AMICO

Una bella donna ha maggiori probabilità di essere perdonata dagli uomini. Con le donne è vero il contrario: è più probabile che una accetti le scuse di un’altra, se sembra meno bella di quanto non sia. Domanda: se l’amica di una donna la perdona con facilità e disinvoltura, significa che la trova meno attraente?

Ci sono studi interessanti che dimostrano che gli uomini affamati preferiscono seni più grandi, ma una volta mangiato si accontentano di seni più piccoli. Altri studi hanno dimostrato che l’eccessiva preoccupazione per il seno grande è comune tra gli uomini di basso livello sociale. Forse se un uomo ha una buona istruzione ed educazione, inizia a notare che una donna non è solo seno?

VITA, FIANCHI E GAMBE

Il rapporto tra larghezza della vita e larghezza dei fianchi determina l’attrattiva di una donna ancor più del volume del seno: il rapporto migliore è 0,7 o quasi. Audrey Hepburn e Marilyn Monroe avevano questo rapporto. È anche un segno di giovinezza, salute e predisposizione al concepimento. Una donna ha caratteristiche eccellenti per avere un bambino se il rapporto è compreso tra 0,67 e 0,8. Una donna con un rapporto inferiore a 0,8 ha il doppio delle probabilità di avere figli rispetto a una donna con un rapporto superiore a 0,8. Un rapporto di 0,9 è già un segno di cattiva salute, menopausa o disturbi riproduttivi. Negli uomini, il rapporto ideale è compreso tra 0,85 e 0,95.

STREGATO

Quando gli uomini guardano una bella donna, le loro capacità e la loro percezione del futuro vengono compromesse. In generale, gli uomini sono meno capaci di affrontare compiti mentali complessi in presenza di donne e, quando queste sono belle, perdono la capacità di pensare razionalmente.

La maggior parte del cervello inizia a lavorare per impressionare le donne. Allo stesso tempo, il livello di dopamina e testosterone nel sangue aumenta: l’evoluzione lo prepara al sesso e il programma di riproduzione passa in primo piano. Chi se ne frega di quello che succederà domani e di chi è Cartesio, se tutto quello che serve è davanti a noi. Nella preistoria succedeva con la vicinanza di una bella donna, ma oggi anche con la vista della copertina di una rivista. Quindi, quando un uomo sta per prendere decisioni importanti, non dovrebbe guardare le belle donne.

Karremans J. C., Verwijmeren T., Pronk T. M., Reitsma M. L’interazione con le donne può compromettere il funzionamento cognitivo degli uomini // Journal of Experimental Social Psychology. 2009. 45 (4).

Wilson M., Daly M. Le belle donne ispirano gli uomini a scontare il futuro? // Proceedings: Biological Sciences. 2004. 271, Supplemento 4. 177-179.

Gambe lunghe e proporzionate sono associate a uno sviluppo e a un’alimentazione normali nell’infanzia, a una maggiore longevità e a un rischio ridotto di malattie cardiache e diabete.

Una donna con i tacchi appare più bella perché i suoi fianchi iniziano a ondeggiare di più. Quando questo accade senza scarpe, significa che il rapporto vita-fianchi è basso, segno che la donna è in età riproduttiva e in salute. Queste lezioni sono state apprese in centinaia di migliaia di anni, quando i tacchi non esistevano, ed è per questo che i tacchi a spillo creano uno stimolo supernormale per gli uomini: è troppo sexy, è impossibile non notarlo. Una donna che sa camminare sui tacchi alti è un’arma micidiale per gli occhi di un uomo.

La nostra ossessione per la bellezza non è una tendenza moderna. Abbiamo cercato di diventare più belli migliaia di anni fa e lo facciamo ancora oggi. I nostri antenati, che erano in grado di apprezzare la bellezza, hanno continuato la loro stirpe e ci hanno trasmesso la capacità di farlo. E noi dovremmo rispettare questa eredità.

Letteratura

Bereczkei T., Gyuris P., Weisfeld G. E. Sexual imprinting in human mate choice // Proc. Biol. Sci. 2004. 271 (1544). 1129-1134.

Buss D. M. Differenze di sesso nelle preferenze umane di accoppiamento: ipotesi evolutive testate in 37 culture // Behavioral and Brain Sciences. 1989. 12 (01). 1-14.

Morris P. H., White J., Morrison E. R., Fisher K. Tacchi alti come stimoli supernormali: come l’indossare tacchi alti influisce sui giudizi di attrattività femminile // Evolution and Human Behaviour. 2013. 34 (3). 176-181.

FADI INFORMALI

L’idea di bellezza è sempre stata e sarà sempre un’arena non solo per i dibattiti creativi, ma anche per la ricerca degli psicologi. L’idea di inattualità esterna, e quindi di fallimento e inadeguatezza, emerge dalla non conformità a formati generalmente riconosciuti. La «salvezza» risulta essere o il ritiro dalla socializzazione (sociofobia) o il tentativo di «correggere la natura» con diete sofisticate (anoressia) e il coltello del chirurgo plastico. Un’altra opzione è il comportamento di protesta che consiste nel dare al proprio aspetto attributi grotteschi (piercing, tatuaggi, dreadlocks, Mohawk). Queste stranezze sono motivo di osservazione e analisi e, in caso di manifestazioni pronunciate, è auspicabile consultare uno psicoterapeuta. Lo specialista aiuterà a cambiare la visione di sé, ad affermare il diritto alla felicità nel proprio corpo, con il proprio carattere. E ancora: è importante fin dall’infanzia far sentire a una persona il suo valore, la sua individualità unica.